Chè mi piaci, e non da morire ma da vivere un sacco.   quantavitainsiemeate
"Primo settembre. E le nuvole che tornano, e tutta la gente con i cappelli grandi, occhi felici e macchina fotografica, che va via. Primo settembre, e al mare quasi non ci va più nessuno, chè oggi è tornato il brutto tempo, e fa quasi freddo. Persino a passeggiare, si è davvero in pochi. Primo settembre, e a me mi ci viene un po’ da piangere e da essere triste. Perchè non mi abituerò mai alle cose belle che finiscono. E assomiglio tanto ad una bimba, lo so, ma l’estate, il mare azzurro che si confonde col cielo che un po’ mi ricorda ancora te, le sere a sorridere fino a non poterne più, a guardare le stelle, a dormire in spiaggia, a guardare l’alba, a fare tardi la sera, a incontrare ogni giorno visi diversi, per me,
e dico per me
sono cose non belle
forse anche di più.”
— quantavitainsiemeate
"Settembre non mi piace. Così, come si fa il primo dell’anno, idealmente si ricomincia. A correre per non perdere l’autobus, a stare seduti su un banco, su una scrivania per ore. E lo so che tutto finisce, ma non so mica se sono pronta. E mi mancherà tutto. Le feste, l’abbronzatura, i pantaloncini e le canotte, le stelle cadenti, le ore piccole. E poi il mare. Mi mancherà più di tutti. Che ci ha visti quasi ricominciare. Gli sguardi, i giochi, gli scherzi. E poi ricorderò di quell’amore che a pensarci mi manda ancora un po’ in tilt. Mi ricorderò delle mille fotografie scattate, degli abbracci delle amiche, delle litigate con i miei. Continuavo a pensare, come una bambina, che mai sarebbe arrivato questo momento. Che ‘ci vuole ancora tempo’, mi dicevo. E di tempo ora ce ne vorrà, per ricominciare.”

quantavitainsiemeate 

dopo un anno, la stessa storia. 

Anonimo asked: Se ti dicessi che ti amo.. E fossi la persona che ti piace. Come reagiresti?

Questi scherzi non si possono mica fare però, 

chè io sono una credulona

e poi inizio a farmi i film più romantici del mondo!

Anonimo asked: Cosa ci faresti con 150 euro ?

Domanda curiosa. 

Tutti i libri che vorrei, e poi vestiti. Tanti vestiti. Chiodo fisso! 

dove è sempre casa.



"Mi sono innamorata così come ci si addormenta: piano piano, e poi tutto in una volta.”
— John Green, Colpa delle stelle
"Facevo un po’ di ordine prima, tutta sola, e un po’ triste per l’estate che corre, e per il mare che invece rimane sempre lì. Ho gettato via un sacco di cose ‘inutili’, che tempo fa mi parevano quasi indispensabili, e tra tutte ho trovato un quaderno. Mi son venuti gli occhi lucidi. L’ho aperto. E mi è ritornato in mente tutto. I momenti in cui ci scrivevo sù, le date scritte al centro del foglio, perchè no, in alto a destra non sembrano poi così importanti. Non ci ho badato più di tanto, ma piangevo di già. Era descritto tutto, tutto quello che tu mi raccontavi, tutti i tuoi movimenti, i tuoi sguardi arrabbiati, felici, stanchi. C’era scritto tutto quello che succedeva, ogni giorno, senza scordare nulla. Ogni parola che dicevi, i nostri discorsi, quello che io sentivo mentre ti parlavo, e ti guardavo gli occhi. Sono stata davvero brava a scrivere ogni dettaglio, perchè oggi rileggendo mi son ritrovata accanto a te, in quelle giornate, ad amarti di nascosto, ma soprattutto ad amarti, e sorridere.
Quel quaderno è fermo ad una giornata di giugno, in cui ci siamo allontanati, “chè non ha più senso poi scrivere, se non siamo così vicini”. Quel quaderno è fermo ad una giornata di giugno, e da allora mi manchi, non sai immaginare quanto, e delle volte,
come questa,
non riesco ad immaginarlo nemmeno io.”
— quantavitainsiemeate
Anonimo asked: Cosa c'è da ricordare di un amore non nato, di un amore da scoprire?

molto più di ciò che credi

molto più di ciò che immagini

ricordi tutto quello che avresti voluto, e invece no, non hai potuto. 

Anonimo asked: Credo di essere innamorata di un ragazzo che quando mi vede mi saluta solo se sto con le mie amiche e che non mi calcola minimamente. Ma le poche volte che ci guardiamo dritti negli occhi anche a distanza rimaniamo immobili fino a che io distolgo lo sguardo perché fa troppo male. Prima eravamo amici, molto amici. Ora siamo sconosciuti e la colpa è mia e della mia timidezza.

emozioni diverse ogni volta. 

In questo caso, 

tristezza. 

Anonimo asked: Ehi, sono la ragazza 'invincibile'. E ti volevo dire tanto due cose. La prima è che, non so come, mi hai dato una carica inimmaginabile. Quindi ti volevo ringraziare tantissimo. E la seconda, lui mi ha detto che sono sua. Io i ragazzi non li capisco proprio. Ti fanno andare al settimo cielo quando ti dicono 'ste cose, ma so già che domani sarò sotto terra perchè mi vorrà tanto parlare di quanto è fantastica la ragazza che gli piace. E io lo ascolterò sorridente, perchè come potrei non sorridere?

E allora le dico anche io due cose a te:

Dico io grazie a te, per quello che mi hai scritto, e perchè me lo hai scritto.

E poi, cosa più importante. Ho imparato ad accontentarmi, quando si tratta di lui. A farmi bastare i sorrisi, gli sguardi, qualche frase detta quà e là, come ‘sei mia’ (nel tuo caso) . Non saremo felici, ma almeno sorridiamo, e ce ne ricorderemo quando ci mancherà troppo, o quando tornerà a parlarci della sua ‘lei’. Quindi, sorridi, più che puoi, e amalo. Fa niente che non capisce, fa niente che restiamo un po’ deluse.. le invincibili siamo noi, non dimenticarlo! 

ti abbraccio forte

©