Chè mi piaci, e non da morire ma da vivere un sacco.   quantavitainsiemeate
"Quegli abbracci che mi fanno diventare così piccola, e le tue mani sono così grandi,
e mi accarezzi i capelli, le guance
e poi non lo sai tu
che mi accarezzi persino il cuore.”

quantavitainsiemeate

penso che mi manchi 

(via quantavitainsiemeate)

"Lui le faceva ascoltare canzoni, e così le piaceva pensare che ogni parola, ogni ritornello, ogni titolo fosse per lei, solo per lei.”
— quantavitainsiemeate (via quantavitainsiemeate)
"Vorrei dirti che mi piaci,
e non da morire
ma da vivere un sacco
e chissà se poi
gli occhi miei
te lo fanno capire
non tanto
almeno un po’.”
— (via quantavitainsiemeate)
Anonimo asked: Si può essere felici in questo mondo?

basta non fermarsi a pensare troppo. 

Anonimo asked: Ehi invincibile, come stai? Io non è che sto al massimo, come sempre d'altronde. Sai, mi ha detto che tiene un foglietto che gli ricorda il suo primo amore nel portafoglio. E io, così, alle 22.44 mi chiedo se terrà mai un foglietto che gli ricordi me sempre nella sua tasca. Le mie piccole domande che rovinano intere nottate. Bene.

Eh mia cara invincibile, purtroppo 

la notte, i pensieri, le mancanze sembrano essere amici intimi.. 

"innamorarsi di nuovo, incontrare la gente e sentirsi dire “ti vedo bene, davvero, sei in splendida forma”, ma sai com’è, non mi sono mai presa tanta cura di me, sarà per questo che mi piaci, che mi continui a piacere, che non me ne vado, che “vaffanculo”, ma poi ti amo; e sono passati gli anni, ne sono passati tanti e ogni capodanno tu eri una delle persone di cui imparare a fare a meno, tra i buoni propositi e per ogni compleanno, per ogni regalo sbagliato la promessa era sempre la stessa “non ci distruggeremo, sarò abbastanza forte da sparire prima che possa succedere una cosa del genere”, ed ora forse sarebbe il caso di salvare quel poco di bello che abbiamo avuto che deve esser stato proprio bello bello, bello al cubo per essere in grado di tenere su tutto questo schifo, ma mi devi perdonare se non ce la faccio, non ce la posso fare, io penso di voler soffrire e mangiare con te per il resto della mia vita; io penso, in tutta onestà, che sia meglio non fare niente, nemmeno l’amore, nemmeno la rivoluzione; tra un’ora avrò finito di lavorare, lasciati trovare che ho una canzone da farti ascoltare.”

susanna casciani 

amabile 

A cosa pensi?

Anonimo asked: Ci siamo conosciuti tre anni fa,siamo distanti 180 km. Mi spaventa il fatto che mi ha abbandonato nonostante avesse promesso di non farlo e mi spaventa il fatto che io sia qui ad aspettarlo,anche tutta la vita se necessario. Mi manca come l'aria.

un cuore dolce, innamorato 

e deluso. ti abbraccio forte

"gli autobus, e chi porta con sè
un libro in mano:
potrei innamorarmene”

l’alta marea dei nostri sguardi.

©